Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, tramite il tasto "Ok", acconsenti all’uso dei cookie.

Stampa

kali minKali, chiamato anche Arnis de Mano o Escrima, è una disciplina marziale nata nelle isole Filippine in tempi remotissimi. L’uomo bianco, e più precisamente gli spagnoli capeggiati da Ferdinando Magellano, conobbero a loro spese l’efficacia di questo metodo di combattimento. Lo stesso Magellano venne ucciso e l’invasione spagnola fermata dai guerrieri filippini, guidati dall’eroe dell’isola di Mactan Lapu Lapu.
Nelle zone a nord dell’arcipelago, conquistate dagli spagnoli, venne proibita qualsiasi forma di arte marziale e ovviamente l’uso di qualsiasi arma, ma la fantasia del popolo filippino trasformò il Kali in una danza folkloristica, con musiche ed eleganti movimenti ritmati nei quali si celavano e venivano insegnate le tecniche più efficaci.

Una caratteristica fondamentale di questa disciplina è l’enfasi che pone sul settore armato, sia nella filosofia che nella didattica.
Nella didattica quando si impara il maneggio di un’arma (in particolare del bastone) i principi appresi possono essere trasferiti a qualsiasi altra arma, oggetto ed addirittura al combattimento a mani nude.
La filosofia che sta alla base di questa scelta è che l’uomo armato è in vantaggio sull’uomo disarmato.

Questa disciplina è articolata in diversi settori o aree che sono legate intrinsecamente tra loro e che vanno coltivate tutte parallelamente, tra i principali citiamo:

Tutte le aree vengono integrate in sequenze di movimenti preordinate o improvvisate, eseguite da solo o in coppia o in gruppo sempre fluidamente e con continuità di azione.
Gli esperti di questa disciplina sono in grado di passare senza preavviso da un esercizio ad un altro ed inserire colpi, leve, proiezioni e relative controtecniche liberamente, questo livello di allenamento richiede molta tecnica ed è la cosa più simile ad un combattimento senza fare un combattimento. In questo modo si riesce a riprodurre tutto quello che può capitare in un combattimento senza il rischio di farsi male.

Il kali è praticato dai reparti speciali della Polizia o dell’Esercito di molte nazioni perché esprime al meglio le potenzialità distruttive del combattimento totale.

Anche nel cinema si possono trovare riferimenti più o meno espliciti a questa disciplina, tra tutti citiamo il film the Bourne Ultimatum.

Infine tra i tanti benefici che porta la pratica di questa disciplina merita annoverare lo sviluppo della lateralità, dello schema incrociato, della percezione oculo-manuale, del senso ritmico, di una muscolatura pronta e scattante e della coordinazione motoria.

Gli allenamenti si tengono il lunedì ed il mercoledì, dalle 21.00 alle 22.30.

Per maggiori informazioni scrivete a

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

oppure visitate il sito www.isamgenova.it

Durante le lezioni si studieranno anche principi di penkac silat, come aprofondimento al combattimento corpo a corpo in quanto la sua epressione è un ottima sintesi  delle tecniche di percussione di braccia e gambe, di proiezione, di leve articolari, di posizioni particolari del corpo che mirano a confondere e disorientare uno o più avversari, anche se armati.

Il Pencak Silat o solo Silat è il termine con cui vengono indicate le Arti Marziali Indonesiane e Malesi.

Nato per la sopravvivenza, il silat tradizionale conserva ancora oggi il sapore guerriero che fa di questa disciplina una delle più pericolose e micidiali.

Avvolta nella più assoluta segretezza, solo pochi possono accedere ai livelli profondi di quest’arte che rischia di scomparire perché non ha voluto cedere alle lusinghe dell’aspetto sportivo e quindi alla divulgazione di massa.

Il Silat propone una strada per l’evoluzione dell’uomo sia sul piano fisico che spirituale.